Mastoplastica riduttiva

Mastoplastica riduttiva

La mastoplastica riduttiva è un intervento che consente di ridurre la misura di un seno troppo voluminoso e inoltre permette di eliminare i disturbi connessi ad un eccessivo volume del seno come dolore alla schiena, alla regione cervicale, problemi di respirazione e inoltre problemi psicologici legati ad avere un senno troppo grande.

Come funziona la mastoplastica riduttiva?

L’intervento di mastoplastica riduttiva sarà più o meno complicato in base al quantitativo di ghiandola da asportare.

Attraverso le incisioni cutanee vengono asportati i segmenti ghiandolari prescelti ed i tessuti mammari residui vengono liberati sul piano profondo separandoli dal muscolo pettorale e riposizionandoli nella sede più opportuna.

La mastoplastica riduttiva può essere eseguita in anestesia locale con sedazione profonda, in casi limitati, o in anestesia generale.

A seconda dell’entità della riduzione e della necessità di rimodellamento dei tessuti possono essere utilizzate tecniche differenti.

L’abilità e l’esperienza del chirurgo consentono di scegliere la metodica più appropriata al singolo caso; ovviamente l’obiettivo principale è ottenere un seno di volume adeguato, dalla forma armonica, con le cicatrici meno visibili possibile.

Cosa fare dopo l’intervento di mastoplastica riduttiva?

La paziente può rimanere presso la struttura una sola giornata soltanto nei casi più semplici, altrimenti sono necessari due giorni di osservazione in cui è indicato anche l’assoluto riposo. L’intervento si conclude con una medicazione modicamente contenitiva da mantenere per 48 ore a seguito delle quali la medicazione viene sostituita da un reggiseno elastico che deve essere portato per circa un mese.

Generalmente vengono posizionati dei drenaggi che vengono mantenuti per 24-72 ore. Le medicazioni successive saranno di due settimane, trascorse le quali si potrà poi riprendere la vita normale. I primi punti vengono rimossi dopo una settimana e gli ultimi nella terza settimana.

Il dolore postoperatorio è generalmente di lieve entità e ben tollerato grazie alla somministrazione dagli analgesici.

La mastoplastica riduttiva si esegue anche sugli uomini?

In caso di problemi ormonali o come residuo di adipe localizzato, la formazione del seno maschile è possibile e si può intervenire in due modi differenti.

Nel caso di problemi ormonali si rimuove il tessuto ghiandolare tramite un’incisione sotto areolare dove la cicatrice sarà poco visibile.

Mentre se la presenza di seno è dovuta solamente all’accumulo adiposo si può procedere con la semplice liposuzione tramite una piccola incisione.