Gluteoplastica o aumento dei glutei

Gluteoplastica o aumento dei glutei

La gluteoplastica è una tecnica volta al rimodernamento dei glutei che può avvenire in maniera non chirurgica con iniezioni di grasso autologo prelevato da un’altra zona del corpo o con iniezioni di acido ialuronico macromolecolare.

La gluteoplastica può essere praticata anche tramite tecnica chirurgica con l’inserimento di protesi al silicone con una cicatrice quasi invisibile.

La gluteoplastica usa diverse tecniche chirurgiche moderne:

– Gluteoplastica con lipofilling o lipostruttura;

– Gluteoplastica con fili di sospensione;

– Gluteoplastica con filler;

– Utilizzo di protesi al silicone di ultima generazione.

Come funziona la gluteoplastica?

La gluteoplastica è un intervento chirurgico molto personalizzato che richiede un’accurata visita specialistica pre-operatoria. Durante la prima visita il chirurgo, dopo aver ascoltato le richieste del paziente e valutate la forma e le dimensioni dei glutei, illustrerà le più moderne tecniche chirurgiche utilizzabili e i miglioramenti che è possibile ottenere. Verrà inoltre valutato l’intero stato di salute del paziente, per escludere patologie che potrebbero influire sul risultato finale dell’intervento. Inoltre verranno fornite precise indicazioni sui comportamenti (alimentazione, farmaci, alcool, fumo ecc.) da tenere prima e dopo l’intervento di gluteoplastica.

Al termine della visita il chirurgo plastico consiglierà la tecnica chirurgica più adatta per ottenere i risultati desiderati.

La chirurgia plastica del gluteo è un intervento di media complessità paragonabile all’intervento di mastoplastica additiva, generalmente molto più noto e richiesto, che consente di avere risultati molto buoni e soprattutto duraturi. Come per tutti gli interventi, non bisogna sottovalutare i rischi della procedura chirurgica: è necessario sempre farsi spiegare dal chirurgo plastico i risultati che è possibile ottenere, i possibili rischi dell’intervento e le complicanze, ecco perché risultano essere fondamentali prima dell’intervento.

La chirurgia estetica dei glutei può essere effettuata in anestesia loco-regionale con sedazione profonda.

Gluteoplastica con protesi

L’utilizzo di protesi glutee, o gluteoplastica, è una tipologia di intervento indicato quando l’aumento richiesto rappresenta un volume di una certa importanza. L’incisione per il posizionamento dell’impianto viene fatta nella parte alta dei glutei, nel solco intergluteo, in modo che la cicatrice rimanga completamente nascosta tra le due natiche.

Le protesi per la gluteoplastica hanno una superficie liscia e sono costituite da silicone di ultima generazione conforme all’utilizzo medico. Le protesi possono essere posizionate all’interno del muscolo grande gluteo, secondo la tecnica di Gonzales, oppure più superficialmente, seguendo la tecnica di De La Peña, al di sotto della fascia che ricopre il muscolo.

Cosa fare dopo l’intervento di gluteoplastica?

La durata dell’intervento è variabile da 1 a 2 ore e termina con una medicazione compressiva. Dopo l’intervento è necessario rimanere a riposo per 48 ore. In questa prima fase potranno verificarsi gonfiore, ecchimosi e dolore a livello dei glutei. Dal terzo giorno post-operatorio è possibile riprendere a svolgere una vita normale, evitando però attività faticose, saune, bagni turchi e l’esposizione al sole e solo dopo una settimana sarà possibile riprendere l’attività lavorativa, se non eccessivamente faticosa. Ad un mese dall’intervento chirurgico si potranno comunque riprendere progressivamente tutte le normali attività quotidiane.