Addominoplastica parziale

Addominoplastica parziale

L’addominoplastica parziale, detta anche mini-addominoplastica, è un intervento adottato solitamente nei pazienti che presentano poca pelle in eccesso, poco grasso o scarsa lassità della parete addominale. L’addominoplastica parziale elimina infatti la pelle flaccida e il grasso in eccesso senza riposizionare l’ombelico come avviene nell’addominoplasica completa. Viene spesso adottata anche dopo un intervento di liposuzione, con risultati davvero eccellenti.

Per quali inestetismi viene utilizzata l’addominoplastica parziale? 

L’addominoplastica parziale è indicata per:

-eliminare l’eccesso di pelle e grasso;

-ridefinire i contorni addominali;

-aumentare la tonicità dei muscoli.

Rimodellamento chirurgico del corpo o liposuzione?

Il rimodellamento del contorno corporeo ha subito negli ultimi anni un’evoluzione importante grazie al contributo di tecniche relativamente meno aggressive come la liposuzione e grazie all’affinamento di tecniche derivanti dalla chirurgia plastica convenzionale. Le situazioni che ci si trova ad affrontare sono fra loro diverse e possono essere classificate in quattro gruppi secondo la predominanza di adiposità localizzata o di flaccidità cutanea. Ognuno di questi gruppi ha naturalmente delle indicazioni chirurgiche diverse.

Cute elastica e moderati depositi di grasso. In questi pazienti è indicata la sola liposuzione che spesso può risolvere il caso in una sola seduta di chirurgia estetica ambulatoriale. Per esempio è il caso di persone giovani, con peso normale o leggermente aumentato, ma che per cause costituzionali presentano depositi di grasso localizzato specialmente in cosce, glutei e fianchi.

Deposito di grasso rilevanti e moderata flaccidità cutanea. Sono pazienti con peso superiore alla norma e dove l’elasticità cutanea, specialmente in certe zone del corpo, incomincia a dare segni di cedimento. Anche qui risulta essere indicato l’intervento di liposuzione da eseguirsi in più sedute a distanza di sei mesi, durante i quali si permette alla pelle una retrazione elastica che sarà diversa a seconda della zona trattata.

Depositi di grasso e cute flaccida. Qui la liposuzione da sola non può essere efficace e quindi deve essere affidata alla chirurgia plastica tradizionale. Spesso questo problema si presenta in persone che si sono sottoposte a dimagrimenti anche importanti ma dove vi è stata una scarsa retrazione elastica della pelle. La zona tipica per questo tipo di intervento di chirurgia estetica è quella addominale dove la liposuzione di pancia e fianchi è abbinata ad un mini lifting sovrapubico con asportazione più o meno ampia di una losanga di cute senza interessamento dell’ombelico.

Cute eccessivamente flaccida con o senza deposito di grasso. In questo caso la liposuzione non è indicata e solo la chirurgia plastica potrà migliorare il contorno corporeo. Gi interventi di chirurgia estetica che fanno parte di questo gruppo sono tutti molto importanti e caratteristici e, nella loro evoluzione rappresentano la storia della chirurgia estetica. A secondo della zona interessata hanno nomi diversi: addominoplastica, fiancoplastica, gluteoplastica, mastopessi, lifting di coscia, lifting di braccia.